martedì 29 dicembre 2015

Libiamo, libiamo ne' lieti calici....

"Libiamo, libiamo ne' lieti calici,

che la bellezza infiora;
e la fuggevol fuggevol'ora
s'inebrii a voluttà"

Le parole di Alfredo nella Traviata di Verdi possano essere di buon auspicio e di ringraziamento a voi tutti per l'eccellente lavoro sin ora svolto, un brindisi che sorrida al passato ma sopratutto guardi con occhi vigile al futuro. In modo particolare all'Anno che verrà

Cari amici,  vorrei che questo brindisi di fine anno fosse per tutti voi, un momento di riflessione. Senza essere autoreferenziali, osservando l'anno appena trascorso, il bilancio è da considerarsi più che positivo. Sono tanti i risultati raggiunti, qualche numero a supporto per ricordare a noi tutti cosa è stato fatto:
- il numero delle esibizioni rispetto all'anno precedente è più che raddoppiato
- il numero dei soci è cresciuto con incrementi a due cifre
- la qualità dello spettacolo nonché la percezione che il territorio ha dei Miromagnum è qualcosa che va oltre la singola esibizione
- I rapporti stilati con le organizzazioni sovra territoriali ci confermano che la strada intrapresa è quella giusta. 

Come ricorderete nel 2017 scadrà il mio mandato, vorrei chiudere questo percorso, insieme a tutti voi, portando a compimento una serie di iniziative e di lavori che non possono più aspettare. Nella prossima assemblea (02/01/2016) vi illustrerò' la road map da seguire.  Vi anticipo che ci saranno tante novità, che vedranno il coinvolgimento di ognuno di voi, questo lavoro sarà il nostro nuovo fiore all'occhiello per tema e visione.

A questo punto la domanda è: "siete pronti a brindare ed accogliere questo nuovo anno?" La risposta non può' che essere una ed una sola! 
Viva I Miromagnum, viva l'anno che verrà! ricordando sempre il nostro motto "Con noi l'emozioni sono difficili da descrivere, facili da vivere".

Auguri a voi tutti e alle vostre splendide famiglie.
Il Presidente
Marcello Perrone


sabato 26 dicembre 2015

Da Zakopane, passando per la slovacchia... Avete trovato l'amore a Mormanno

Miromagnum è sopratutto famiglia! Domani è il grande giorno per Luigi Cosenza e Maira Perrone. Ebbene sì domani i nostri cari amici daranno vita ad una nuova famiglia. Un amore sbocciato tra le tante trasferte dei Miromagnum. Permettimi di presentarveli:

 Luigi, eccellente autista,
compagno di mille avventure.
Dovete sapere che fu il nostro salvatore in occasione del festival internazionale del folklore di Zakopane (2003 - Polonia). 

Vi racconto cosa accadde: appena giunti a Zakopane ci fu chiesto di esibirci. Peccato che la nostra orchestra (fisarmonicisti) si sarebbero ricongiunti solo il giorno successivo al nostro arrivo. A questo punto che fare? Ebbene Luigi, il nostro autista mi disse 'se vi fidate suono io'. 
Ci fidammo eccome e con la sua mitica 'Ta-ta-ta-tarata!' e 'cumme faccette mammata' guadagnammo subito gli onori del festival. Potrei citarne altre 1000 aneddoti vissuti con Gigi o con il compianto papà Franco, ma per il momento mi fermo qua.
Veniamo a Maira, che dirvi: Maira è una ragazza elegante, bella , solare!
ricordo la slovacchia e penso a quei sorrisi, gote arrossate per ogni incrocio d'occhio con luigi. Insomma  una bella storia d'amore e domani vedrà la sua Santa benedizione presso la cattedrale di S. maria del Colle. Auguri e congratulazioni ragazzi dai vostri amici fraterni del Miromagnum

mercoledì 23 dicembre 2015

Buone feste

Buone feste 

giovedì 10 dicembre 2015

lunedì 7 dicembre 2015

Buona Pirciata a Tutti! #perciavutti2015

Perciavutti 2015! E' la festa del Pollino, la festa in cui è possibile assaporare gli antichi saperi e sapori della nostra terra, per molti la festa del ritrovo, con gli amici di sempre, questa edizione porta con se qualcosa che va oltre e fa ben sperare. In un cinema teatro comunale gremito di gente, i rappresentanti delle regioni Basilicata e Calabria hanno voluto condividere la loro esperienza di Expo,
molte le emozioni di questo racconto specialmente dopo la proiezione del video "expo dei territori". La chiusura del convegno è stata curata dal Presidente del Parco Mimmo Pappaterra, evidenziando l'importanza dell'evento che ha saputo capitalizzare l'attenzione dei media donando un'immagine diversa del Mezzogiorno.
Infine e non per ultimo, affinché tutto questo lavoro non resti uno sterile racconto, oggi ancor di più, questa deve essere una priorità. Il riconoscimento che l'Unesco ha conferito al Pollino , inserendolo nella rete mondiale dei Geoparchi, fa si che sin dai primi giorni del 2016 servirà un cambiamento radicale da parte di tutti coloro operano sul territorio Enti, aziende, associazioni. Parole d'ordine saranno: "Qualità, efficienza, efficacia, rete" sono queste gli asset per tracciare la strategia del "T"urismo all'intero del territorio del Parco. In sintesi l'improvvisazione sarà bandita! Un cammino tutto in salita, ma se si vuole creare una macchina produttiva, competitiva sulla filiera del Turismo vera è l'unica strada perseguibile.
A concludere la serata lo spettacolo dei Miromagnum, è inutile dire che è stato una gioia esibirsi a Mormanno, vedere le nostre giovani leve esprimere la loro carica. Tra il primo e il secondo tempo, uno dei momenti più significativi della serata un piccolo dono per l'amico Maurizio... un grazie a tutti e buona "Pirciata!"...

martedì 1 dicembre 2015

giovedì 26 novembre 2015

Buon compleanno

Oggi è un giorno speciale.. Prima di illustravi il perché, permettetemi di rubarvi un po’ del vostro prezioso tempo, raccontandovi una storia iniziata 60 anni fa nel piccolo borgo di Mormanno ai piedi del nostro amato Monte Pollino. Si sa, Mormanno è un borgo con storia millenaria, forse uno dei quartieri più antichi nonché caratteristici è quello della Costa.

E’ proprio qui in questo luogo magico che il nostro "Faro" inizia i suoi primi passi, le sue osservazioni, i suoi ricordi, la sua educazione.

A quei tempi si sa “U vicinanzu” era la tua famiglia allargata, finita la scuola d’estate era buona norma mandare i propri figli dal “Mastru”. U’Mastru era l’artigiano: muratore, falegname, fabbro, barbiere, sarto per la famiglia era un impegno serio, serviva far richiesta, non era facile superare vari i esami di ammissione prima di essere accolti, oggi diremmo “c’era la fila n’anti a porta”. 

L’idea era semplice formare il giovane al meglio per affrontare la vita. Così il nostro giovane candidato ogni estate fino all’età adulta, fu accolto a bottega del Sarto Mastru Sirufo.

Lì imparò oltre che a cucire: il rigore, l’eleganza, la ponderazione. Elementi già presenti nel DNA del nostro giovane Sarto, ma che con il passare del tempo divennero la colonna portante del suo agire e che ancora oggi lo contraddistinguono.  Gli anni passano e con un amico d’infanzia proseguono gli studi nonché l’apprendistato da Sarto Artigiano. Il nostro giovane studia, si confronta, impegno e dedizione sono le parole guida, così tra i mille sacrifici consegue con il massimo dei voti il titolo di infermiere. Questa passione per le scienze infermieristiche per un certo periodo lo portano a lavorare fuori dal piccolo borgo di Mormanno, ma alla fine degli anni ’70, Mormanno viene dotato di Ospedale e lui rientra a farne parte.

Quel dedicarsi agli altri non gli basta,  è sempre alla ricerca… Fu così che all’inizio degli anni ’80 insieme agli amici di sempre diede vita ai Miromagnum. La sua vita è il folklore, la sua famiglia sono i Miromagnum, il lavoro di ricerca, promozione nonché valorizzazione e salvaguardia delle tradizioni popolari sono il suo credo. Con i suoi oltre 35 anni di attività, in questo ambito, la sua voce e i suoi versi, un esempio per tutti la “Vigna”, sono diventate pietre miliari  per narrare la storia della nostra terra.  Badate bene, capita spesso che il termine fokloristico venga utilizzato in forma dispregiativa, per indicare pressapochismo, vero è, che si è deciso da parte di molte associazioni dell’utilizzo di un più elegante “folclorico”, se solo per un attimo osservassimo il lavoro svolto dal nostro decano, capiremo tutti come non basta sostituire una “K” per dar valenza al folklore ma serve impegno, ricerca, dedizione, rispetto. Il nostro “faro” da sempre è parte integrante del Consiglio di Amministrazione dei Miromagnum, preferisce il lavoro dietro le quinte, non ama i riflettori, queste sue attitudini apprezzate da tutti, fanno si che nel 2011 con un plebiscito dell’intera assemblea dei Miromagnum lo nominò Presidente Onorario. Non ci focalizzeremo su quelli che sono i traguardi materiali raggiunti, bensì, vorremmo evidenziare i valori che il Nostro Presidente Onorario ha saputo imprimere con inchiostro indelebile alle generazioni vecchie e future, per  questo impegno, visione, dedizione chiediamo a voi tutti di festeggiare il compleanno del nostro caro  Michele Accurso.

Buon compleanno!

 

lunedì 23 novembre 2015

giovedì 5 novembre 2015

domenica 25 ottobre 2015

32' Sagra delle Castagne - Fagnano Castello

Autunno è sinonimo di colori, a volte malinconici, romantici comunque sia...sono espressione della nostravita. Si sa i nostri Appennini sono ricchi di boschi, in questo periodo sono loro i protagonisti della nostra vita regalandoci doni di inestimabile valore: funghi e castagne sono i più ambiti. 


In molti paesi dell'entroterra questi doni hanno caratterizzato il pensiero, il modo di vivere. Fagnano castello, borgo della provincia cosentina, su questi doni ha puntato tutto, vero che è chiamato 'il Paese del  Castagno',
non solo...se pur ancora pochi, ma il numero cresce giornalmente, è possibile trovare i cercatori del tartufo nero del Pollino...la nostra è una terra strana presenta tesori unici,  per apprezzarli deve giungere sempre qualche profeta fuori Patria! 

In questi giorni si festeggia la Castagna questa anno la manifestazione ha raggiunto la sua 32' edizione. Come Miromagnum abbiamo fornito il nostro contributo con i Ragazzi Junior: notevoli gli apprezzamenti ma sopratutto la capacità di promuovere la nostra terra, ben fatto ragazzi alla prossima!

giovedì 15 ottobre 2015

Ciao Mauri!

E’ da ieri che mi rivedo le nostre mail, tutti i contributi, consigli, lavori che in questi ultimi venti anni hai dato a questa associazione, non riesco a crederci, non riesco ad accettare che non ci sei più. Che dirti Mauri, tu sei un Faro, lo sei e lo sarai sempre. Ieri non appena ricevuto la tragica notizia, ho informato i molti tuoi compagni dell’Università. Non è possibile “Mega”, si questo era il titolo che ti eri conquistato in Facoltà quando ancora eri uno studente, quel “Mega” indicava la tua grandezza come persona, studente, amico. Sono tanti i ricordi con te, troppi, mai in nessuna occasione un screzio, una parola fuori posto, il tuo agire era esempio per tutti, negli ultimi anni la passione per  la Fotografia, con la F maiuscola, ti aveva rapito vero è che quando ti proposi la partecipazione alla realizzazione del Cofanetto Adotta la Tradizione non esitasti un attimo ad essere dei nostri.

Ancora oggi sulla presentazione del cofanetto campeggia la tua arte : “… il Miromagnum, ha voluto rendere omaggio alla propria terra mostrando le bellezze naturali attraverso l’occhio del fotografo Maurizio Armentano. che è riuscito a scorgere grandi meraviglie in piccoli particolari.”.

E’ questa la tua maggiore dote: scorgere in ognuno di noi il meglio …

Questa foto una delle mie preferite mi fa pensare a te e all’amico di sempre, se pur a distanza di migliaia di Km eri li sempre pronto a dare una mano.

Anche in questa occasione hai dato prova del tuo essere Mega, non volendo essere di peso a nessuno.

Sei troppo “Mega”, dovrei dire eri ma non ci riesco,  per non lasciare un vuoto difficilmente colmabile…

Mauri Ciao!

lunedì 5 ottobre 2015

domenica 4 ottobre 2015

#A verità! San vincenzo la costa

IUna serata in armonia! È questa la sintesi della performance dei Miromagnum, ieri sera a San vincenzo la costa. In questa armonia una nuova Debuttante: Teresa Maradei!

A lei Un caloroso benvenuto da parte di tutti noi, Benvenuta!  San vincenzo è un piccolo borgo della provincia cosentina ad un tiro di schioppo dalla famosa area Urbana. Interessante la motivazione che hanno spinto alla edizione 2015 del Taranta project a cura del movimento San Vincenzo Free, Questo gruppo di ragazzi stanchi di vedere la propria Agora vuota e per niente più luogo di aggregazione, hanno deciso di lanciare una sfida che va oltre ogni credo politico e religioso ma che al contrario parte dal basso con l'unico scopo ridare dignità e valore alla parole "territorio, socializzazione, aggregazione, confronto". Noi tutti oggi più che mai riusciamo ad abbattere le barriere spazio-tempo grazie ai potentissimi mezzi High tech, ci sono cose però che difficilmente potranno essere sostituiti come un abbraccio, una bevuta o come ieri sera un ballo in piazza! E quello che è capitato ieri sera in piazza a San Vincenzo la costa, ad un certo punto ci siamo trovati noi e gli amici del
Taranta Project ad essere un tutt'uno, il palco si era definitivamente smaterializzato e la piazza aveva dato vita all'Agora nella sua magnificenza. Come direbbero i ragazzi di San vincenzo "a verità" buona la prima...arrivederci alla prossima edizione

mercoledì 30 settembre 2015

3 Ottobre : San Vincenzo La Costa (CS)

Come anticipato in un precedente Post, la campagna estiva si è conclusa con tantissime soddisfazioni per i nostri Miromagnum.

L’autunno si sa porta con se: funghi, castagne e tante altre delizie… la calura estiva oramai è solo un ricordo.

Motivo per cui sono già in molti i camini che iniziano a fumare…  

Osservando i tetti dei nostri borghi è possibile notare le mille “Ciminere”, da sempre adornate, in alcuni casi con maschere Apotropaiche.

La “Ciminere” alla sua prima accensione, anche se inconsciamente, rievoca il rito di purificazione della casa. Si tratta di un rito antichissimo, ma che racconta molto delle nostre paure e aspettative.

Secondo le credenze popolari, specie nei vecchi borghi  si aggirano per le vecchie case “fumarole”  degli spiriti maligni è solo alla vista del camino acceso scappano via liberando l’abitazione da tutte le negatività.

Nei nostri borghi è ancora oggi uso ritrovarsi davanti al camino con gli amici, magari accompagnati da un buon bicchiere di vino. In molti casi è lo stesso fuoco con il suo scoppiettare essere la voce errante della casa. 

Sabato 03 Ottobre, saremo ospiti nel borgo di San Vincenzo la Costa (CS), vi aspettiamo numerosi per meglio apprezzare questi valori antichi dal sapore sempre moderno.

venerdì 18 settembre 2015

20 settembre 2015 - Laino borgo (festa delle cappelle)

20 settembre 2015... Vi aspettiamo a Laino borgo presso il santuario delle cappelle. Per chi volesse approfondire la storia di questo luogo mistico vi consiglio di dare un'occhiata al servizio del nostro storiografo Prof. luigi paternostro

domenica 13 settembre 2015

12 settembre 'Italia e Regioni'

È passato un mese dal giorno in cui le città di Corigliano  Calabro e Rossano sono state travolte dall'alluvione.

È' di ieri l'intervista sfogo del sindaco di Rossano che senza mezzi termini chiede aiuto a tutti gli organi di governo per rimuovere e mettere in sicurezza il territorio. In questa stesse ore sempre nella città di Rossano, la federazione Italiana tradizioni popolari ha voluto che fosse Rossano ad odpitare l'evento 'Italia e Regioni'. L'evento ha visto la partecipazione di 20 gruppi Folclorici,
ognuno proveniente da una regione d'Italia. Il significato di questi gruppi ha un alto valore simbolico, l'Italia è deve essere una nazione unica, magari aggiungerei servirebbe rivedere i testi scolastici nel periodo unitario per dare dignità ad un sud che poi tanto male non stava anzi... Ma questa come direbbe Lucarelli è un'altra Storia, oramai i giochi sono stati fatti piangere sul latte versato non serve a nulla.
Proprio in quest'ottica la rappresentanza dei gruppi ha un valore unitario "nessuno deve restare indietro", il legame con la nostra terra devono essere elementi su cui riflettere, la vicinanza e la solidarietà si esprime ad unisono anche con la musica! Il Maestro Verdi ne fu l'esempio...senza presunzione questa manifestazione ne segue le Orme! Così in una piazza gremita di persone la kermesse ha preso forma e il suo messaggio è arrivato al cuore di tutti!
Momento molto emozionante oltre che per l'esibizione dei nostri piccoli l'apertura con 'calabrisella murmannola' e successivamente di 'murmannola meju' entrambi pietre miliari dei Miromagnum contenute nell'opera 'Adotta la tradizione'... Ancora oggi documento esclusivo di ricerca e innovazione... Oggi l'avventura continua con tante altre iniziative! 

lunedì 7 settembre 2015

11 settembre Diamante

Si sa squadra che vince non si cambia! Ebbene sì anche quest'anno saremo attori protagonisti presso il Festival del Peperoncino di Diamante. In quest'occasione speciale saremo il front line del Parco Nazionale del Pollino. 
vari gli appuntamenti in giornata vi ricordiamo:
Ore 19/24 Lungomare Mostra Mercato Mangiare Mediterraneo allietati dai Miromagnum. In diretta dal Festival Dibattiti e interviste con gli ospiti Partecipano: On. Domenico Pappaterra Giudice Nicola Gratteri On. Ettore Rosato 

Ore 19/24 Lungofiume (Sponda sinistra) Pizza in piazza: pizza, musica e birra Dreher 

Ore 19/24 Lungofiume (Sponda destra) Eccellenze in mostra Con i Gruppi di Azione Locale Show cooking e degustazioni a cura di Enzo Barbieri Mercatino del capsicum 

Ore 20 Centro DAC Officine Gastronomiche I vini bianchi Terre di Cosenza DOC sposano le eccellenze di Calabria a cura della Fondazione Sommelier Calabria Partecipazione gratuita con prenotazione

Ore 20,30 Lungomare Fabiani Habanero in concerto 

Ore 20,30 Piazza Municipio Gruppo folk Miromagnum di Mormanno 

Ore 21,30 Villa comunale Crossing Cultures I video maker in finale a Moda Movie 

Ore 22 Centro DAC Officine gastronomiche Il peperoncino in cucina fra ristoranti e agroturismi Agriturismo Il Vecchio Fienile, Mormanno Con le specialità del Parco del Pollino Sorsi piccantia cura di Guglielmo Gigliotti 

Ore 22 Piazzetta S. Biagio Convegno Pollino, il Parco che unisce mare e montagna Conclusioni: On. Domenico Pappaterra Presidente Ente Parco del Pollino Show cooking e degustazioni gratuite con le specialità del Parco del Pollino..

sabato 5 settembre 2015

Buona la prima: "Ritmi e tradizioni del Sud"

Congratulazioni al Team Basileus, in modo particolare all'amica Barbara Mitidieri. 


Non c'è cosa più bella dopo tanti sacrifici aver raccogliere un cospicuo raccolto. È quello che è accaduto a Latronico (pz), piazza gremita, sente soddisfatta e estasiata! Come direbbero Alex e Franz :"buona la prima"!
I nostri ragazzi oramai veterani promotori delle nostre tradizioni anche ieri sera hanno tracciato la giusta rotta da seguire per fare in modo che la nostra cultura possa essere promotrice di cultura! Grazie e complimenti a tutti!! 

Continua la tournée dei Miromagnum senza sosta prossimi appuntamenti Diamante, Rossano e Laino Castello...ma per dirlo alla Lucarelli "questa è un'altra storia".... To be continued 

28 agosto San nicola Arcella

A San Nicola Arcella come in un antico messaggio corsaro sono arrivati i Miromagnum... 

lunedì 24 agosto 2015

24 agosto Belsito (Cs)

Anche in questa occasione ci saremo   l'impegno promozionale dei Miromagnum continua, questa sera ore 21:30 i nostri costumi sfileranno per raccontare la storia della Calabria presso il borgo di Bel Sito. Non mancate ....

sabato 22 agosto 2015

Culture a confronto 3' edizione Tropea 2015

Tropea: forse una delle più belle e caratteristiche località turistiche della Calabria.
La sua bellezza è sfavillante, ma i Tropeani lo sono ancora di più.
Ieri sera durante la 3' edizione di culture a confronto è andata in scena una bella pagina di solidarietà attiva. La kermesse internazionale ha visto partecipare in primis il gruppo ospitante della città di Tropea con i suoi piccoli, capitanati dal suo presidente Andrea Addolorato. Via alle danze con i piccoli di Tropea con una di quelle tarantelle a base di "nudja"... Insomma una super bomba! È qui che i nostri eroi dei Miromagnum entrano in gioco con la loro "Calabrisella Murmannola" omaggiando l'inno ad un componente del gruppo Tropeano scomparso prematuramente. Interpreti  originali sono stati

Veronica Maradei e Michele Accurso, vero è che dopo averla sentita Benito Ripoli (presidente Fitp) ha deciso che questo sarà l'inno di Italia e Regioni, per l'edizione 2015 che si terrà a settembre a Rossano. Subito dopo si  sono esibiti il gruppo del Grupo cultural Danzantes de Tijeras del Perù,
suggestivi i colori e la rappresentazione del dio dell'allegria Peruviano Chimu. L'evento "culture a confronto ha raggiunto la sua massima espressione nel momento in cui un gruppo di migranti  provenienti  dal continente Africano, ospiti da 10 mesi in Calabria, si sono esibiti in una serie di balli tribali, dinanzi a tre vescovi Calabresi,
rispettivamente S.E. Don Francesco Oliva diocesi di Locri,  S.E. Don Milito, S.E. Diocesi di Palmi, Don Luigi Renzo Diocesi Mileto,  insieme hanno ribadito di come non ci possa essere cultura senza integrazione. A seguire una gradita Carrambata con il gruppo Ballet folclorico ATENO FUENTE SALTILLO de COAHUILA – MEXICO, con Lalo e famiglia
non ci vedevamo da 15 anni, ritrovarsi è stato un vero piacere, il loro "carape za patike",
infine l'Ossezia del nord con il gruppo Goretz con le le sue dame e Cavalieri austere!
Alla fine saluti delle autorità, con arrivederci al 2016!
Tropea ad Maiora semper...

giovedì 20 agosto 2015

Il folklore che unisce ricorda l'amico Benedetto Marino a cura della redazione di abmreport

Articolo della redazione di abmreport 


 

CASTROVILLARI – Una serata diversa quella di ieri che ha caratterizzato il Festival del Folklore. Spazio ai gruppi italiani, in una kermesse interamente dedicata a Benedetto Marino, componente del “ Gruppo Folk Città di Castrovillari”, scomparso prematuramente. 

Un ricordo sentito e affettuoso del chitarrista del gruppo affidato al  direttore Artistico Antonio Notaro che ne ha percorso le tappe da quando nel 1986 e fino allo scorso anno ha fatto parte  del sodalizio folkloristico. La serata è proseguita con il Raduno Nazionale dei Gruppi  Folklorici con la partecipazione di  Mormanno, Pellaro, Ostuni e Nicastro. Seduti tra il  pubblico, visibilmente commosse, le due figlie di Benedetto, Tiziana e Cinzia che a fine serata hanno premiato con una targa ricordo i gruppi che hanno allietato la serata dedicata al loro papà. Ma il Patron Notaro, coadiuvato nella presentazione dalla giornalista e antropologa, Genevieve Makaping, ha voluto ricordare altri due componenti del gruppo che prematuramente hanno lasciato questa vita, Gianni Francomano, e Barbara Malomo , a lei è dedicato il concorso fotografico , inserito nel cartellone della manifestazione, “ I Colori del Mondo”.

 

Ad aprire la serata il Gruppo “ Miromagnum” proveniente dalla vicino Mormanno;  innumerevoli successi nazionali ed internazionali, il segreto  del sodalizio sta: nel nome “ Miromagnum” ovvero “ vedo il meglio” e la voglia di portare avanti le tradizioni sta nella forza e nella passione dei suoi componenti, la “ Mission”  la promozione territoriale nata già con l’opera “ Adotta la tradizione”.

 

Poi gli usi, i costumi, i colori e i canti della Calabria degli anni ’20 e 30 con un Gruppo giovanissimo

 “ Nicastru C’abballa” nato  nel 2008 .  Giovani lametini hanno messo insieme la loro passione per le tradizioni popolari , in costante attività di ricerca, valorizzazione  e conservazione del patrimonio artistico, culturale e locale che si è tradotto sul palco in uno spettacolo ricco variegato carico di una forte valenza culturale.

 

Da Lamezia a Reggio Calabria, con il Gruppo  Folk “ I Peddaroti” di Pellaro  a rappresentare la nostra bella Calabria , meravigliosa Terra,  ricca di storia, cultura , tradizione. Con i loro canti e danze, hanno dato vita a quadri di vita quotidiana d’altri tempi  delle tradizioni popolari e reggine e nello specifico, pellaresi, tradizioni da salvaguardare e da trasmettere alle future generazioni.

 

Gran finale con la danza proveniente  dalla “ Città Bianca” ovvero Ostuni, la “ Taranta”. A  promuovere  i valori dell’antica cultura dell’Alto Salento, 30 elementi del Gruppo Folk “ Città di Ostuni”.  E tra tarantelle, quadriglie e serenate,  in un increscendo di emozioni che hanno contagiato il popolo del festival, non  poteva mancare il gran finale, ovvero la “ Pizzica Tarantata” , in passato eseguita come principale accompagnamento del rito etnocoreutico del tarantismo, in quanto, fino a pochi decenni fa, era considerata l’unica medicina contro il morso delle tarante.

Castrovillari “ Città Festival” continua con i suoi appuntamenti in cartellone, questa sera è la volta dei gruppi provenienti dal Perù e dalla Macedonia, che si esibiranno nella centralissima  Piazza Municipio, e tra storia, cultura, tradizione, canti e  danze, anche loro porteranno  un messaggio di Pace.

 

21 agosto Tropea (vv)

Vi aspettiamo 

mercoledì 19 agosto 2015

Raduno nazionale: Benedetto Marino 19 Agosto Castrovillari

Qualche anno fa gli stati generali del folklore del Pollino si riunirono per discutere sulla possibilità di evitare sovrapposizioni, ovvero creare eventi di alto profilo che comprendessero l'intero territorio senza mortificarne, svilirne la passione di nessun attore. L'elemento scatenante fu un bando regionale che premiava eventi olistici. Da allora sono successe molte cose, Mormanno è stata colpita dal sisma del 2012, una crisi economica attanaglia tutti gli enti con una serrata rivisitazione della spesa. A distanza di tre anni, dopo la serata di ieri, vissuta a Mormanno, insieme a tutte le anime del Miromagnum, grandi e piccini, ma sopratutto ai due gruppi ospiti della 30' edizione dell'Estate internazionale del folklore e del Parco del Pollino, evento magistralmente diretto da Antonio Notaro e da tutti gli amici dell'associazione 'Città di Castrovillari', conferma che questa è l'unica strada da percorrere. 

 

Un unico filo conduttore, che abbracci l'intero territorio, in cui ognuno contribuisce al miglioramento dello stesso. Un esempio per tutti, Luigi Stabile (Morano Calabro), 

 con la sua lira Calabrese ha incantato la Piazza. Per molti era la prima volta che potevano vedere e sentire questo strumento che ci riporta alla Magna Grecia.

Che dire dei Miromagnum? I piccoli oramai sono diventati i custodi delle tradizioni mormannesi, e i veterani? Dopo 35 anni storia continuano a stupirci come fosse la prima volta. “Dal seme alla spiga” è il nuovo percorso storico, culturale intrapreso dai Miromagnum, come ribadiva il nostro Direttore Artistico Domenico Fortunato per tutti Gianluca, “tutto ciò costa sacrificio”. 
Durante lo spettacolo dei Miromagnum due i momenti toccanti: il ricordo dell’amico Francesco Fortunato, prematuramente scomparso, ma il tocco della sua chitarra durante lo spettacolo hanno fatto si che fosse con noi.  Infine quando i due presidenti provinciali della Federazione Italiana Tradizioni Popolari Gatto (BG) e Perrone (CS) hanno rimarcato come il folklore sia nel DNA di questo territorio. Proprio per questo motivo il 13 Settembre a Rossano vedrà in scena “Italia e Regioni”!

I primi ospiti ad esibirsi sono stati: il gruppo Goretz provenienti dalla capitale Vladikavkaz, (Ossezia del Nord – Caucaso russo), anche in questo caso folklore ad alti livelli con la rievocazione dei Titani (Narti), il mito di Prometeo e la lotta continua con Zeus. Anche in questo caso grande attenzione alla memoria storica affinché il ricordo della strage di Beslan non vada smarrito.

A chiudere la Kermesse, il gruppo della Colombia, Fundación Cultural Raíces de Colombia Santiago de Cali, a colpire la comunità Mormannese i colori, i sorrisi, la forza, la ribellione che questo gruppo ha espresso durante la loro esibizione. Rivendicando i principi cardini del manifesto di Cartagena, opera del suo liberatore Simon Bolivar, principi che solo dopo 136 anni, e ben due guerre mondiali, troveranno accoglienza nella Dichiarazione dei Diritti Umani a cura dell’ONU (1948).

Infine come da prassi il saluto a tutti gli ospiti di Mormanno, “augurando a tutti che lo spettacolo sia stato di vostro gradimento, al prossimo anno vi diamo appuntamento… Grazie, Grazie, Grazie”… per dirla alla Corrado…L’avventura non finisce 

Questa sera siamo onorati di partecipare al raduno nazionale che si terrà a Castrovillari, insieme ai gruppi: Citta di Ostuni, Nicastru C’abballa, I Peddaroti per ricordare l’amico di sempre 
Benedetto Marino. Benedetto, chitarrista poliedrico, da sempre uomo del gruppo e forte sostenitore dell’Estate Internazionale del Folklore e del Parco Nazionale del Pollino, siamo sicuri che insieme a tanti altri amici prematuramente scomparsi, anche tu sarai sul palco con e dentro di noi “….e come allora sorridi…

Vi aspettiamo!